I personaggi

Alessandra Valenti, detta Alina.  
"Alina aveva voglia di scappare, di tornarsene a casa[...]. Che c'entrava lei con tutta quella storia? Ma si rese conto di non aver alcuna scelta, di non avere la minima idea di come tornare a casa, senza l'aiuto di Immanuel. Cercò di farsi forza, di convincersi che sarebbe andato tutto bene[...]. Fece un respiro profondo e si sforzò di crederci."

Alessandra è la protagonista del romanzo. Ha ventun'anni e studia per diventare giornalista. Una sera come tante altre, le accade qualcosa di incredibile: scopre di essere "Dama", la prescelta che - secondo una profezia - salverà il Regno delle Tenebre. Comincia, così, per lei un'avventura sempre in bilico tra il sogno e la realtà, la fantasia e l'immaginazione, dove ogni evento, ogni sensazione, ogni fatto è talmente assurdo da non poter non essere reale.

Parla l'autrice: Alina è una ragazza come tante, determinata, sognatrice e a volte scorbutica. Vive l'avventura su Lilith allo stesso modo in cui potrebbe viverla chiunque: meravigliandosi continuamente dei prodigi e confrontando quella realtà con l'altra, la quotidianità sulla Terra; allo stesso tempo si rende conto di trovarsi legata tra le maglie di una profezia da cui nessuno può liberarla. 
Il suo nomignolo "Alina" viene utilizzato solo dagli altri personaggi, perché lei si presenta sempre come "Alessandra". La voce narrante, invece, limita l'uso del suo nome per esteso agli avvenimenti sulla Terra, mentre durante la permanenza su Lilith, viene chiamata "Alina" o "Dama".

***

Il Principe della Notte, Immanuel di Lilith.
"Il Principe raggiunse Alina e le porse la mano destra, lei fece altrettanto e lui gliela baciò inchinandosi leggermente. Sforzandosi di ignorare l’insolita agitazione che lo aveva preso, Immanuel fissò ancora i suoi occhi in quelli di lei. Erano grandi, scuri e profondi, ma sembravano emanare un’energia sconosciuta che lo colpiva dritto alla bocca dello stomaco. In quel preciso istante, il Principe Immanuel si chiese che cosa fosse quella strana forza che lo aveva colpito, che lo aveva scosso in quel modo nel profondo dell’animo, e quasi ne ebbe paura."

Il Principe Immanuel è il sovrano di Lilith, il Regno delle Tenebre. E' il figlio più giovane, nonché unico maschio in vita, del leggendario demone Lilith.

Parla l'autrice: Immanuel è il figlio di un demone, ma fin dall'inizio della storia si mostra con un volto ben diverso da quello che l'immaginario collettivo, nonché Alina stessa, si aspetterebbe da lui. Il Principe è gentile, sorridente e capace di ammettere con umiltà i propri limiti. In realtà, pur essendo il Principe della Notte, Immanuel è un sovrano che non ha più fiducia nelle proprie capacità di governare; è stanco e stremato dai lunghi anni dell'assedio, forse persino più dei suoi sudditi; inoltre, dopo aver incontrato Alina, avverte dentro di sé un cambiamento che altera la sua percezione dei fatti e la sua gestione delle emozioni... una strana "malattia", che crede di aver contratto sulla Terra, e la cui vera diagnosi, fatta dal Medico Reale, lo lascerà sbalordito per quanto poco conosce se stesso e la sua natura di demone.


***

Joey de Palma.
"«E io mi chiamo Joey».
«Ah, Joey... JOEY?!»
«Già... il nonno era figlio di emigrati» rispose lui sfoderando un sorriso da copertina di tabloid «Quando cominciamo l’intervista?»"

Joey de Palma è un divo del mondo dello spettacolo, catapultato per errore, insieme ad Alina, nel Regno di Lilith e in quella strana avventura.

Parla l'autrice: Joey è il vero eroe di tutta la storia. E' un ragazzo che incarna molti dei luoghi comuni sulla gente del mondo dello spettacolo, ma io l'ho sempre considerato il vero fulcro di tutta la vicenda. Allegerisce le situazioni troppo serie e drammatiche con le sue uscite inopportune, ma salva più di una volta la vita di Alina e rappresenta il suo legame con la Terra. All'inizio sembra essere solo d'intralcio, ma poco dopo Damon (così viene chiamato su Lilith) dimostra di non essere stato prelevato per sbaglio, e di avere anche lui un ruolo ben preciso e importante nel compimento della profezia. Il suo nome è un doppio omaggio che ho voluto rendere a due persone che, in modi diversi, hanno segnato positivamente la mia vita, specialmente l'adolescenza.

***

Le Principesse di Lilith: Thena, Sunia e Alys.
"«Benvenuta a Lilith, Dama, il mio nome è Thena e sono la sorella maggiore del Principe Immanuel. Loro sono: Sunia e Alys». Anche le altre due donne si avvicinarono e insieme si inchinarono davanti a lei.
Tutte e tre avevano i capelli biondi e la pelle ancora più bianca di tutti gli altri abitanti di Lilith mai visti fino a quel momento. Thena era alta e robusta, aveva un viso maturo che contrastava con l'aspetto da ragazzina e la corporatura minuta di Alys, che evidentemente era la più giovane. Sunia, delle tre, era quella che somigliava di più a Immanuel, ma mentre lui e le sorelle avevano gli occhi colore blu intenso, lei li aveva verde smeraldo, brillanti e luminosi. Erano vestite di bianco, con abiti [...] lunghi e drappeggiati, scollati e senza maniche. Portavano una cintura dorata in vita e dorati erano anche i nastri che decoravano e acconciavano le capigliature."

Le tre Principesse sono le sorelle maggiori del Principe Immanuel. Nonostante ricoprano delle cariche importanti nel Regno, hanno un ruolo un po' marginale nella storia.

Parla l'autrice: Quando iniziai a delineare i profili dei personaggi della storia, pensai subito che con un Principe sovrano ci stavano bene tre sorelle più grandi che sostituissero in qualche modo la figura materna "anomala", quale quella di un demone. Thena, infatti, rappresenta per Immanuel la coscienza e la razionalità; Sunia incarna il dubbio e l'avversione per il destino già scritto; Alys è l'ingenuità e la fragilità della giovinezza e dell'inesperienza. Ammetto di averle tenute in secondo piano, in tutta la storia, nonostante il Principe senta sempre su di sé il loro "peso" simbolico. 

***

Il Comandante Mycon.
"Mai il cuore di Mycon aveva battuto così forte. Sapeva che avrebbe dovuto combattere, e improvvisamente si sentiva impreparato, sentiva che sarebbe morto perché era sempre stato chiaro a tutti che non sarebbero mai riusciti a fronteggiare un'invasione."

Mycon è un Comandante dell'esercito delle Guardie Reali. E' un amico fraterno del Principe Immanuel ed è uno delle poche persone in cui il sovrano ripone la sua fiducia.

Parla l'autrice: Mycon è un ragazzo di cui ci si può sempre fidare. Preciso e impeccabile nel suo lavoro, onesto e corretto nelle relazioni con gli altri, è il "bravo ragazzo" cui si affiderebbe la propria vita, e la sicurezza del proprio Regno.


***

Il Comandante Myca.
"Myca urlò a squarciagola. [...] Sentiva la rabbia, che poco prima aveva scaricato per terra, accumularsi nuovamente ai suoi piedi, e crescendo, crescendo e bruciando, impadronirsi di tutto il suo corpo risalendo lungo le gambe, lungo la spina dorsale e le braccia. Myca sentiva che doveva liberarsene, doveva scaricarla o sarebbe scoppiata, e lo fece battendo con forza entrambi i pugni alla finestra."

Myca è sorella gemella di Mycon (portano lo stesso nome, al maschile e femminile) e anche lei è un Comandante delle Guardie Reali.

Parla l'autrice: Myca è una donna molto forte e coraggiosa. E' innamorata del Principe Immanuel: non si è mai dichiarata per timore reverenziale, ma in qualche maniera vive con serenità il loro rapporto di amicizia. Quando su Lilith arriva Alina, però, quell'equilibrio nella relazione si incrina inevitabilmente e, per la prima volta, Myca si trova sull'orlo della perdita del controllo di sé e delle proprie emozioni. Nel mio immaginario è sempre stata una specie di Lady Oscar dai capelli castani.

***

Il Consigliere Reale Artis.
"Artis fu circondato da una luminescenza bianca e si sollevò magicamente da terra fino ad arrivare all'altezza giusta per sedere in groppa al Falcone. Alina e Joey lo guardarono a bocca spalancata e in quel momento Joey decise che tutto ciò non poteva essere la realtà, ma doveva trattarsi di uno strano sogno particolarmente realistico."

Artis è un anziano che ricopre la carica di Consigliere Reale. All'inizio della storia gli viene affidato il compito di portare i due terrestri sani e salvi fino al Palazzo Reale.

Parla l'autrice: Il Consigliere Artis è una delle figure più "tradizionali" del romanzo: il vecchio saggio che fa da guida, fisica e spirituale, un po' per tutti i personaggi coinvolti. Devo ammettere che non mi è mai stato molto simpatico, ma la storia aveva bisogno di un personaggio di questo tipo, dunque ho chinato il capo.


***

Ruven.
"Joey era stato alloggiato nell'ala secondaria del Palazzo Reale. Ruven si era offerto di ospitarlo nella sua stanza. Lo straniero gli aveva fatto molta simpatia sin da subito, inoltre lui aveva sempre sognato di poter fare un viaggio sulla Terra, un giorno, dunque non poteva lasciarsi sfuggire l'occasione di socializzare con qualcuno che sulla Terra ci viveva.

Il giovane Ruven è il discepolo di Artis. Lo accompagna nelle sue missioni dentro e fuori il Palazzo Reale, facendo esperienza e imparando da lui le arti magiche.

Parla l'autrice: Ruven è uno dei personaggi che mi ha messo in difficoltà. Non abbastanza "importante" per affidargli situazioni di rilievo, ma nemmeno così insignificante da relegarlo a semplice comparsa. Ho trovato il giusto compromesso affidandogli Joey durante la sua permanenza al Palazzo Reale, e dall'incontro tra i due nascono dialoghi e situazioni che non sono determinanti per il procedere della storia, ma alleggeriscono un po' tutta la vicenda creando anche alcuni momenti comici e fornendo qualche spunto di riflessione sul nostro mondo.


***

Zeldina.
"Zeldina inarcò le sopracciglia. «Io volevo solo essere gentile...» replicò, quindi gli si lanciò contro e con una sola mossa lo buttò a terra e gli legò le mani dietro la schiena. [...] Quindi legò l'estremità della corda al suo cavallo, si scrollò la polvere di dosso e chiese: «Dove sono gli altri?»."

Zeldina è la ragazza che aiuta Alina dopo le prime difficoltà su Lilith.

Parla l'autrice: Zeldina è un personaggio che ho sempre amato, fin dalla sua comparsa, avvolta nel mistero, nella storia. E' la ragazza a cui ho affidato il compito di accompagnare con delicatezza Alina nella sua presa di coscienza sui fatti di Lilith. Zeldina la aiuta a rendersi conto che ciò che le accade è vero, e allo stesso tempo la incoraggia ad essere ottimista.


***

Il Capitano Leon di Kelium.
"Leon fece un cenno ai due uomini [...] e loro si avvicinarono. Afferrò per i capelli il ragazzo, tenendone sollevata la testa, poi appoggiò la lama del pugnale alla sua gola «Non ti concederò ancora altro tempo, Dama»."

Leon è il Capitano della stazione spaziale degli Invasori, i nemici di Lilith. Kelium è il  pianeta da cui proviene.

Parla l'autrice: Leon è il cattivo della storia, anzi di più: è il capo dei cattivi. Però, poco a poco, mostra un comportamento talmente corretto e onesto nei confronti dei suoi nemici, da far chiedere chi sia davvero il cattivo in questa storia. Anche Leon è un personaggio che ho adorato, nonostante mi abbia messo in difficoltà più volte, perché il suo tormento interiore mi ha sempre tenuto sull'orlo dell'errore di valutazione. Ho grandi progetti per lui.

*** 

Il demone Lilith. 
"«Io sono la Notte, sono il Vento che sferza la terra, sono l'Incubo e la Delizia degli uomini, la Tentazione cui non si resiste, l'Istinto animale e ribelle di ogni creatura femmina...»." 

Lilith è la prima donna creata da Dio, come compagna di Adamo, ma che, per tutta una serie di vicissitudini, è fuggita dal Paradiso Terrestre ed è stata rimpiazzata da Dio con la più famosa Eva.

Parla l'autrice: Era la metà degli anni '90, quando ho letto su una rivista la storia di Lilith. Nella fattispecie, e ci metterei la mano sul fuoco, su quella rivista si parlava di lei come prima compagna di Adamo che, dopo averlo abbandonato ed essersi trasformata in demone, si era rifugiata sulla Luna, sulla faccia che non viene mai rivolta alla Terra. Da qui il legame del demone Lilith con il lato "oscuro" della femminilità (rappresentata dalla Luna), la nascita della cosiddetta "Luna Nera". Orbene, nelle mie numerose ricerche negli anni seguenti, dapprima fatte su libri di carta ed enciclopedie tradizionali, poi nell'infinito web, non ho mai più e dico MAI più ritrovato questo riferimento del rifugio di Lilith sulla Luna, mai. Ed è una cosa che mi fa impazzire, perché io sono sicura di aver letto proprio così, perché in quegli stessi anni si è scoperto un ghiacciaio (o un lago ghiacciato) sulla Luna, ed io sono sicura che proprio associando queste due informazioni è nato, in me, Buongiorno Luna. 
Ma torniamo al demone. Lilith è la prima compagna di Adamo. Dopo il loro primo accoppiamento (visto l'epilogo, parlare di "amore" mi sembra fuori luogo) avvenuto durante il settimo giorno dalla creazione e in posizione - diciamo così - tradizionale, Lilith propone al suo uomo di invertire le parti. Prima sei stato "sopra" tu, adesso ci sto io: una volta ciascuno. Ma Adamo non accetta. Non vuole "sottomettersi" alla sua donna, dimostrandole di non considerarla affatto al pari di se stesso, bensì inferiore, da tutti i punti di vista. Lilith, ovviamente, non ci sta e se ne va. Si rifugia sulle rive del Mar Morto, dove incontra vari demoni e, accoppiandosi con loro, si trasforma in demone anche lei. Nel demone della lussuria, per la precisione. 
Chi volesse saperne di più su Lilith, ha tutto un universo di siti che raccontano varie versioni di miti, leggende e mezze verità che la vedono protagonista. 
Il mio romanzo va solo ad arricchire una già nutrita biblioteca di romanzi, poemi, graphic novel, racconti che fanno riferimento a lei, in tutte o solo alcune sfaccettature della sua figura mitologica.
Ecco qui l'elenco di alcuni siti che ho consultato per ricostruire la storia di Lilith. Tutto il resto ce l'ho messo io, con la mia fantasia.
http://it.wikipedia.org/wiki/Lilith
http://www.lunadivetro.it/scoperte/Lilith/Lilith.htm
http://www.empatiadonne.it/index.php?option=com_content&view=article&id=131:lilth&catid=111:figure-mitologiche&Itemid=204
http://www.ilcerchiodellaluna.it/central_dee_lilith.htm
http://www.latelanera.com/divinita-demoni-personaggi/dio-demone-personaggio.asp?id=143
http://www.strangedays.it/thedarkside/lilith.html

Qui, invece, si parla del ghiaccio sulla Luna:
http://astrolink.mclink.it/news/fnews/moonice.htm
http://www.astronautinews.it/2012/07/03/lro-rileva-evidenze-di-ghiaccio-sulla-luna/