martedì 14 agosto 2012

Buongiorno Luna


«Quando ti ho raccontato la nostra storia, 
otto anni fa, non hai avuto alcun dubbio, anzi… 
mi sei sembrata piuttosto entusiasta».

«Certo, avevo tredici anni. 
Probabilmente mi sentivo in procinto
 di diventare una guerriera Sailor,
 o qualcosa di simile».

 
Cosa succede quando Alina, una ragazza di ventun'anni, si ritrova in giardino faccia a faccia col Principe della Notte, scoprendo di essere Dama, la prescelta a cui è affidato il compito di salvare Lilith, il Regno delle Tenebre?

La sua vita cambierà definitivamente fin da quando si ritroverà catapultata in un mondo surreale, dove subirà alcune trasformazioni nel corpo e nello spirito per asservire totalmente la sua persona al demone.





"Buongiorno Luna – Il figlio di Kelium" è un romanzo fantasy-romance diverso dal solito.
Non ci sono mondi antichi da esplorare alla ricerca di talismani, ma c'è una stazione spaziale con un raggio luminoso molto pericoloso. Non c'è un cattivo che vuole conquistare il mondo, ma ci sono alcuni uomini che cercano vendetta per il genocidio a cui sono scampati. Non ci sono templi e santuari dove superare delle prove, ma c'è una fontana che partorisce i bambini non desiderati al posto delle legittime madri. Non ci sono vampiri vegetariani, licantropi, angeli caduti, né mufatorma di varia natura e genere.
Ci sono due ragazzi terrestri, che accompagnano il lettore nella loro avventura attraverso i loro occhi e i loro pensieri, spesso meravigliati e increduli.
La storia è presentata come una parentesi assurda che potrebbe aprirsi, potenzialmente, nella vita di ognuno, e richiudersi senza lasciare alcuna traccia di sé.